martedì 20 febbraio 2018

Tanti auguri a te!!

Come vi avevo anticipato nel mio primo post dell'anno, quest'anno mio nipote ha compiuto 18 anni...Ed esattamente ieri!!!

Tanti tanti auguri amore mio!!

E per questo compleanno speciale, ho voluto provare a realizzare una Explosion box sono ormai alcuni anni che al compleanno gli regalo la mancia, ma questo compleanno è speciale!
Sono molto contenta del risultato, calcolando soprattutto che l'ho realizzata con la mia adorata principessa e soprattutto in una mattinata. Perché come sempre mi riduco all'ultimo minuto e spesso, non riesco neanche a concludere il progetto che desideravo. Ma sorvoliamo i miei difetti e passiamo subito a vedere il risultato, spero tanto vi piaccia. Io ho utilizzato lo schema di CreaFamily 






lunedì 22 gennaio 2018

Finalmente il nuovo anno!

Prima di tutto, ci tengo a farvi i miei auguri di Buon anno, anche quest'anno sembra sia corso via così in fretta.. e i miei auguri arrivano sempre tardi, ma so che mi perdonerete.

Questo sicuramente sarà un anno fantastico, lo so! 
Primo... il mio primo nipotino quest'anno compie 18 anni
Secondo... per noi, ci sono novità, novità importanti e quindi é un nuovo inizio per noi
Terzo... come leggevo sull'istagram di una creativa (perdono, non mi ricordo il nome) finisce con l'8 che è anche il simbolo del l'infinito quindi... Sogniamo!!
E quest'anno ho iniziato con una marcia in più, per questo nuovo anno, ho deciso di crearmi la mia agenda. Il mio journal. Così ho iniziato a documentarmi, e devo dire che non è che sia riuscita a chiarirmi tanto le idee. Così ho deciso di scrivere questo post, sì perché io sono una casinista disorganizzata e decisamente con poca memoria, e già detto questo, abbiamo capito che forse mi potrà essere molto utile. Ma entriamo più nel dettaglio e cerchiamo di capire insieme.



Cos'è il Bullet Journal?
Il bullet journal, è un'agenda che ti crei tu a tuo piacere in base alle tue esigenze è utile per organizzare gli appuntamenti, i progetti, i traguardi e i tuoi impegni, mettendo in evidenza ciò che più preferisci. Ci sono comunque delle basi, sulle quali potersi ispirare o guidare, dei metodi da poter seguire, anche se essendo la tua agenda, sei tu a scegliere ciò che vuoi e come vuoi appuntare.
Questo sistema, è stato inventeato da Ryder Carrol, secondo lui il Bullet journal è un sistema analogico per tenere traccia del passato, organizzare il presente e pianificare il futuro.

In pratica il bullet journal è n quaderno sul quale annotare:
- cose da fare normalmente rappresentate da un puntino
- impegni che potranno essere di vario genere (lavoro, appuntamenti in genere, colloqui con i professori) che rappresenteremo con un cerchietto 
- annotazioni di vario genere che potrebbero essere idee, pensieri etc.. rappresentate da una linea
Ma oltre ad annotare gli impegni di vario genere legate alle nostre giornate, si possono creare anche pagine relative ai nostri interessi come potrebbero essere film, libri da leggere (spuntando man mano quelli letti) ma inoltre si possono pianificare progetti importanti relativi magari alla gestione del nostro blog, ma anche obiettivi importanti come la ristrutturazione di casa)

Cosa ci serve per cominciare? 
Un quaderno e un pennarellino tipo trattopen, ma dalla mia esperienza, per iniziare vi consiglio una penna cancellabile.  L'agenda normalmente usata da chi utilizza questo metodo è la Leuchtturm
nel quale troverete già prestampato l'indice e i numeri delle pagine, ma onestamente io sono per il risparmio e ho utilizzato un  quadernetto dalla copertina rigida acquistato a pochi euro alla Lidl, comunque anche su amazon se ne trovano di diversi tipi.
Inizialmente volevo utilizzare un vecchio raccoglitore a buchi, dalla forma particolare, ma poi nell'indecisione di partire ho optato per questo. Ma secondo me, essendo un'agenda completamente personalizzata credo che qualsiasi tipo vada bene, l'importante è che vi troviate bene voi nell'utilizzarlo. 

Io appena iniziato (per fortuna ero partita da un quadernetto a buchi, quindi ho potuto fare più prove senza rovinare un'agenda o un quadernetto ) non sono riuscita subito ad organizzare il mio bullet journal, anche perché non avevo molto le idee chiare, l'unica cosa che sapevo era:
- che mi serviva un'agenda. Ultimamente utilizzavo il cellulare, ma spesso mi è capitato di perdere appuntamenti perché realmente non salvati o persi nello strano mondo della tecnologia.
 - e che volevo iniziare un metodo di risparmio pianificato che mi facesse tenere sotto controllo entrate e soprattutto le uscite, ispirata dal Kakebo.
Quindi io sono partita dall'impaginazione dei mesi, altro consiglio dalla mia esperienza, impostate mese per mese, non fatevi prendere dall'euforia come ho fatto io perché in realtà state iniziando questo metodo e man mano che lo utilizzate, vi rendete conto di cosa vi sia più utile e come impostarlo.  

Piccolo dizionario
Per chi come me, capisce poco di inglese ecco un piccolo dizionario dei vari termini che normalmente vengono utilizzati per il bullet journal.
Future log = (registro futuro) è una vista generale per gli impegni e  le cose da fare per i prossimi mesi.
To do list = (lista di cose da fare) è la lista degli impegni che può essere sia giornaliera, che mensile in base alle proprie comodità. 
Monthly log = (diario mensile) 
Daily log = (registro giornaliero)
Collections = (collezioni) sono delle liste di cose da fare o progetti, libri che si vorrebbero leggere, film da vedere... 
Task = (compito)
Planning = (pianificazione, progettazione)

Spero un po' di essere riuscita a spiegare anche a voi, questo fantastico nuovo mondo (per me) del bullet journal, ma tanto altro ci sarebbe da scrivere. Per questo vorrei segnalarvi un paio di siti.

Come fare le cose il sito di Lucia che trovo molto bello e utile per vari argomenti, qui si parla di bullet journal, ma troverete altri articoli sul tema.
Bulletjournal.com il sito originale in inglese
Bulletjournal.it il sito italiano
La pagina Facebook  bullet journal Italia
Il gruppo Facebook: Bullet journal: un'idea per la tua organizzazione
Ed infine, non per importanza, anzi io seppur da poco in questo gruppo, mi ci trovo molto bene. Il gruppo Facebook: Planner Addict Italia: consigli per una vita (o un'agenda) più ordinata

Visto che ne ho accennato il discorso e in foto compare, il Kakebo è un libro dei conti di casa, un metodo giapponese. Una sorta di agenda dove annotare e registrare entrate e uscite, ma soprattutto, aiuta a riflettere sulle proprie abitudini "economiche" Aiuta a risparmiare e migliorare a gestire le proprie finanze. I giapponesi, lo considerano uno strumento che favorisce la tranquillità dell'anima e libera energie mentali.   
Il gruppo Facebook Kakebo Italia:impariamo a risparmiare dove ho scaricato l'Hippokebo che vedete in foto.
                                                                                                                          

lunedì 25 dicembre 2017

Buone feste!

Per questo Natale, il mio semplice augurio per voi! 

                                                                                                                          


mercoledì 1 novembre 2017

La cresima di Cesare


Innanzitutto, ringrazio la mia cara amica Eleonora, che per le ricorrenze si è sempre affidata a me, sono poche le amiche che lo hanno fatto. Ed io lo trovo un bellissimo gesto di fiducia. Se siete curiose, vi metto il link della comunione di Giacomo, la sua cresima, la comunione di Cesare (che ha festeggiato insieme ad Alessia) e...beh, lo sto scrivendo ora...la sua cresima!! Eleonora, per festeggiare i suoi ragazzi, ha sempre avuto una richiesta: semplicità e  soprattutto niente di impegnativo. Pochi invitati e niente oggetti predi polvere (come la capisco) E quindi, ecco qui, delle semplicissime scatoline porta confetti, si quelli non mancano!!






 

domenica 29 ottobre 2017

Halloween


Ormai da anni, anche in Italia, questa festa a preso piede. Io quando da piccina vedevo in televisione film con scene su quest'argomento rimanevo affascinata e desideravo molto poterla festeggiare, oggi un po' meno. Non solo perché in realtà non è una festa che fa parte delle nostre usanze, ma perché come tutto viene rovinato dall'aspetto commerciale. Si, perché appena qualcosa prende il via, bisogna sempre trovarci il guadagno, come se non ci fosse altro interesse. A parte questo, amo vedere i bambini tutti euforici che vanno in giro con i loro sacchetti o zucche di plastica a cercar di poter portare a casa il loro bottino. Ma in realtà credo che noi Italiani non siamo neanche portati molto per queste cose. Prima di tutto, se non ci fossero delle festicciole organizzate, te li vedi questi bimbi gironzolare per la città a suonare a tutti (ma quanti vaffa...si beccherebbero?) Almeno io parlo qui nella Brianza, dove siamo un po' meno calorosi, nel resto d'Italia non saprei. Nella mia città però, avendo un bel centro, possono farlo per negozi, dove è capitato spesso di percepire comunque un fastidio da parte dei commessi (in fin dei conti loro sono li a lavorare). Quindi quest'anno ho voluto fare un post su questa festa.
Partiamo dalle origini. Quanti di noi sa la vera storia di Halloween?

La storia di Halloween risale a tempi remoti e viene più tipicamente collegata alla festa celtica di SamhainIl nome della festività viene dal gaelico antico Samhuinn che indica la conclusione della stagione dei raccolti e l'inizo dell'inverno, la stagione più dura in pratica "fine dell'estate". Nella notte tra il 31 Ottobre e il 1 Novembre le anime dei morti tornavano sulla terra con streghe, demoni e fantasmi. Già nel Medioevo indossavano maschere per allontanare la morte e fare riti propiziatori. Verso la metà del XIX secolo, l'Irlanda fu investita da una terribile carestia. In quel periodo, molte persone decisero di abbandonare l'isola e di tentar fortuna negli Stati Uniti, dove come accade in queste circostanze, crearono una forte comunità. Logicamente continuarono a mantenere vive le loro tradizioni tra le quali Halloween. Questa usanza, ben presto si diffuse nel popolo americano e grazie al cinema ed alla televisione divenne famosa anche in tutto il mondo. In America (come in Italia) ha perso i suoi significati religiosi e rituali, ed è stata commercializzata diventando un'occasione per divertirsi e organizzare feste. 

Comunque, non vi nascondo che mi continua ad affascinare e mi piace che i ragazzi si divertano, solo che non amo spendere per queste cose, così dove possibile (come spesso accade) facciamo da noi. Per questo vorrei condividere con voi qualche pin della mia bacheca di Pinterst: Carnevale e Halloween



Partiamo dalle decorazioni! Se decidiamo di organizzare una bella festicciola, visto il tema, le decorazioni dovranno sicuramente essere accurate

Fantasmi








Ma vi assicuro che su Pinterest ne trovate molte e molte altre ancora!
Per una festa perfetta...ci vuole un buffet perfetto...

QUI, trovate delle idee carine


E sicuramente che buffet sarebbe, se non fosse tutto perfettamente coordinato alla perfezione? A rigurdo, vorrei presentarvi (per chi ancora non lo conoscesse) il bellissimo blog di Mr.Wonderful che a tema Halloween ha realizzato un coordinato perfetto! 
Lo trovate QUI

Halloween a parte, sono sicura vi innamorerete di Mr.Wonderful, i loro prodotti personalizzati sono adorabili!!

E per finire, qualche mascherina? Io adoro i trucchi fantastici che si trovano sui siti americani, ma decisamente è impossibile, passare un giorno intero a fare trucchi del genere (non essendo esperte) Divertitevi ad ammirarli... QUI il link!


Bhe, io mi sono divertita a fare questa piccola ricerca, chissà mai che l'anno prossimo mi convinca ad organizzare una bella festa da brividi per i miei ragazzi.
Ciao ragazze e a presto!!







mercoledì 25 ottobre 2017

La cresima di Alessia




Sabato 30 settembre Alessia ha fatto la cresima, e per lei ho inforcato il mio amato uncinetto. In realtà avevo iniziato a realizzarli per la sua comunione, ma poi come sempre presa dalle mie mille paturnie avevo abbandonato il progetto. Ma dopo aver letto "Il magico potere di sbattermene il ca**o" sto imparando a fregarmene e a fare ciò che mi fa stare bene. Si, perché prima (un pochino ancora... lo confesso) non sono mai riuscita a fare dei regali handmade  e questo pensiero valeva anche per le bomboniere. Non lo so cosa mi ha sempre frenato, forse il pensiero di ciò che possa pensare, la paura di non azzeccare il gusto, l'idea che possa pensare che lo faccio per risparmiare quando invece...
Primo: non si risparmia affatto a fare con le proprie mani
Secondo: è sicuramente più facile e meno faticoso prendere e acquistare
Comunque, a parte tutte le mie belle seghe mentali (concedetemi il termine)
Devo dire che mi sono divertita molto e sono veramente soddisfatta e orgogliosa del mio lavoro. Ma soprattutto del mio successo nell'essere riuscita a prendere questa decisione, anche se all'ultimo minuto, quando sono andata a comprare i confetti, non ho resistito ad acquistare un oggetto da abbinargli. Boh, solo l'abitino mi sembrava poco (vedi pensieri stupidi qualche riga più in su)

L'abitino mi piaceva molto, soprattutto perché mi ricorda quand'ero piccina, quando la mia cara nonna materna realizzava queste bellissime presine. L'idea di confezionarle così (appese), mi è venuta un giorno girovagando nel web... è stata la classica lampadina! 
Qui trovate il link al tutorial per realizzare gli appendi abiti
Qui trovate il link allo schema per l'abitino all'uncinetto, anche se quello che ho realizzato io, l'ho un po' modificato. Se desiderato, preparo lo schema.


A voi il giudizio!
















mercoledì 18 ottobre 2017

Il comodino della nonna

Caspita ragazze, quante cose ho da raccontarvi, quante cose ho da farvi vedere...
Va beh, andiamo in ordine. C'era una volta, un vecchio comodino della nonna (perdonatemi, non l'ho fotografato prima di iniziare). La nonna in questione, in realtà non è biologicamente la mia, ma ormai, dopo vent'anni che sono con mio marito per me lo è. E poi, come si fa a non volerle bene? Quest'anno ha compiuto 92 anni, e da sola si fa tutto anzi...per lei, ogni occasione è buona per riunire la famiglia al completo e cucinare per tutti.  Ma torniamo a noi... Mi serviva un comodino per la camera di Davide, si, quest'estate mi sono divertita un po' con il restyling di casa. Dopo essermi sbizzarrita con i colori ad imbiancare, ho cercato di creare più un'atmosfera da adolescente. Anche se in realtà lui la personalizza benissimo spargendo indumenti, libri e più roba che può qua e la, ma questa è un'altra storia. Quel comodino stava li, nell'antibagno da sempre e a me è sempre piaciuto, come gran parte del mobilio delle nonne. E si, perché anche la mia dolce nonnina possiede tanta storia nella sua casetta, ed io amando il vintage, ammiro silenziosa. Si, avete ragione, oggi sono chiacchierona e perdo spesso il filo, ma concedetemelo, è un sacco che non scrivo! Così, amando lo stile, e avendo sposato sempre più la filosofia del riciclo (nuova vita alle cose), ho osato chiederlo. Senza esitare, me lo ha regalato, poi era per i ragazzi, non verremo mica dire di no? Ed ecco che ha inizio l'avventura di questo comodino. Già in passato, mi sono divertita a cambiare look a dei mobili. Non vi ricordate? Qui, trovate il post. Così, ho ripreso le mie vernici (non le stesse, da allora ho dipinto anche una scrivania e due cassettiere. Prima o poi ve li mostrerò) E questo è il risultato!



Spero vi piaccia e se può essere utile, ho realizzato un piccolo tutorial anche se non sono espertissima. 

Questi, sono i miei consigli per voi.

Step1: Pulire bene la superficie dentro e fuori 

Step2: Carteggiare e stuccare dove necessario



Step3: Dopo aver carteggiato bene, con un panno umido pulire la superficie.

Step4: Per togliere l'odore di vecchio all'interno, pulire con acqua e aceto e lasciar riposare, se necessario ripetere  

Step5: Dipingere a piacere attendendo che asciughi bene tra una mano e l'altra.


Step6: Quando avrete raggiunto l'effetto finale desiderato, potete stendere la cera per proteggere la superficie e dare un effetto migliore al vostro mobile.




Step7: Posiziona il tuo complemento d'arredo personalizzato di in valore inestimabile ❤